ARRAMPICATA TORRI del VAJOLET Catinaccio

Difficoltà: III-IV+
Date: su richiesta
Prezzo: da 160 - 320 €
Partecipanti: max. 2

Arrampicata sulle Torri del Vaiolet nel gruppo del Catinaccio

Queste meravigliose torri nel gruppo del Catinaccio sono da ammirare ma soprattutto da arrampicare.

Le più classiche da salire sono quattro: da sinistra verso destra:
– la Piz Piaz minuscola ma spettacolare una mini Delago.
– la Torre Delago è la più classica e famosa. Viene salita generalmente lungo la via spigolo  Piàz area e entusiasmante.
– la torre Stabler viene salita spesso lungo la sua via normale, che è la via più facile fra le torri.  Anche la salita lungo la via Fehrmann sulla torre Stabler è una bellissima salita.
– la torre Winkler viene salita spesso dalla via fessura Winkler. Prende il nome dal primo salitore Georg Winkler che la salì a soli diciassette anni in solitaria.

Le Torri sono alte dalle 105 m ai 150 m; ma quando ci si arrampica si ha la sensazione di essere più vicino al cielo che alla terra. Unico neo: per raggiungere la base si deve camminare per ca. 1.30 ora.

Le numerose vie sono ca. di 6 tiri e le difficoltà variano dal III+ al V+. Tutte le soste sono attrezzate con anelli cementati e catena, le protezioni intermedi sono rare.

Per ritornare alla base la calata in corda doppia è obbligatoria ! (bellissimo)

Descrizione della sailta per raggiungere l’attacco delle vie:

Le possibilità per raggiungere l’attacco sono tre, ognuna ha degli svantaggi e dei vantaggi.

La prima possibilità: si sale con l’impianto delle Coronelle. Si percorre la via ferrata Santner, si raggiunge il rifugio Santner e si scende verso il rifugio Re Alberto. In breve si arriva all’attacco delle vie. Ca. 2.30 ore

La seconda possibilità: in auto (solo con permesso speciale) si raggiunge il rifugio Gardeccia. Ora si sale al rifugio Vaiolet. Poi si sale il sentiero attrezzato fino al rifugio Re Alberto e in breve da quest’ultimo si raggiunge l’attacco delle vie. Ca. 1.30 ore

La terza possibilità: si sale dall’impianto Coronelle o dal rifugio Gardeccia. Si alloggia al rifugio Re Alberto e l’indomani in breve si va all’attacco delle vie.

le superfotografate Torri del Vaiolet sono tre:
Torre Delago, Torre Stabler, Torre Winkler.
Sono alte dalle 105 m ai 150 m;  ma quando ci si arrampica si ha la sensazione di essere più vicino al cielo che alla terra. Unico neo: per raggiungere la base si deve camminare per ca. 1.30 ora oppure dormire al rifugio Santner oppure al rifugio Re Alberto.

Le numerose vie sono ca. di 6 tiri e le difficoltà variano dal III+ al V+.  Tutte le soste sono attrezzate con anelli cementati e catena, le protezioni intermedi sono rare.

Per ritornare alla base  la calata  in corda doppia è obbligatoria ! (bellissimo)

Arrampicata Torri del Vajolet: alcune vie classiche:
Torre Stabeler: diedro Fehrmann
grande classica
Difficoltà: III-IV, un tratto IV+
Sviluppo: 155 m + 10 m alla vetta
Tiri: 6 + 10 m alla vetta

Torre Winkler: fessura Winkler
itinerario storico, da non sottovalutare
Difficoltà: IV+, la fessura originale V
Sviluppo: 169 m + 57 m dell’itin. no. 37
Tiri: 7 + 2 dell’itin. no. 37

Torre Delago: spigolo Piaz
la via più famosa e super aerea
Difficoltà: IV/ IV+
Sviluppo: 156 m
Tiri: 6

l’ombra delle Torri con vista Tires e Bolzano

evidenziate la Piz Piaz e la via Fehrmann alla Torre Stabeler

spigolo sud-ovest della Torre Piz Piaz

la bellissima calata

via normale Torre Stabeler

Arrampicata Torri del Vajolet

scalata sulla Torre Delago

Arrampicata Torri del Vajolet

giovani scalatori lungo la Torre Stabeler

Arrampicata Torri del Vajolet

arrampicata Torri del Vajolet